image

NON SOLO UNA DANZA. LA CULTURA DEL TANGO

Un pensiero triste che si balla

Genere musicale nato tra la fine del ‘800 e l’inizio del ‘900 nella zona del Rio de la Plata. Conteso tra Argentina ed Uruguay, dall’etimologia incerta, fonda le proprie origini musicali sull’Habanera e più genericamente sulle sonorità e ritmiche dell’Africa Centro-Nord. Inizialmente ballato tra uomini, costruisce la propria dinamica sull’abbraccio, i “cortes” e le “quebradas” configurandosi come  ballo volgare ed istigatore, fatto di passione, incontro, di un sentire puro ed assoluto, viene vietato dalla Polizia e sdegnato dalle classi nobili. Detentore di un linguaggio proprio, il “Lunfardo”, sarà nel 1913 che col Bene Placet di Papa Pio X eleverà il proprio Status, immergendosi in un processo espansivo che lo porterà, come fenomeno artistico e culturale, in ogni angolo del mondo.

“Quella raffica il Tango quella diavoleria, gli anni indaffarati sfida; fatto di polvere e tempo…Il Tango crea un torbido passato irreale che in qualche modo è vero un ricordo impossibile di essere morto rissando, in un bivio di periferia”…